DIPINGERE UN FILM: DA KUBRICK A BHAUTIK JOSHI

21 Picasso Odyssey

Cosa accomuna una corrente artistica ben definita come il Cubismo allo psichedelico mondo creato da Bhautik Joshi ?

Avete sentito parlare di Deep Neural Netwoks e delle loro caratteristiche?

Allora, facciamo un po’ di chiarezza.

Lo sviluppatore americano, Joshi, è autore di “2001: A Picasso Odyssey” , ovvero una rielaborazione in chiave artistica, nello di stile di Picasso, del capolavoro di Kubrick2001 Odissea nello spazio” del 1968.

Grazie ad algoritmi modellati sui processi neurali si da’ vita ad immagini colorate e cacofoniche (successione disarmonica delle note con effetto sonoro sgradevole) della famosa pellicola.

Joshi ha utilizzato il software per ottenere effetti surreali e straordinari: si immettono come input le opere d’arte e successivamente il computer, acquisendone lo stile, le rielabora per poi applicarle ad altre immagini.

Il film di Kubrick è minimalista, racconta una favola apocalittica sul destino dell’umanità e dello sviluppo tecnologicoIn molti lo avremo visto, e ci saremo accorti di come la struttura narrativa ruoti attorno al concetto che l’uomo, il tempo e lo spazio godano di un legame indissolubile.

Si tratta di uno dei più celebri film di fantascienza che riproduce fedelmente l’ambiente spaziale. Come dimenticare le scene che si svolgono in silenzio e il valzer di Strauss che da’ vita alla gravità artificiale!

Guardare il video di Joshi è come vedere, attraverso un caleidoscopio, le avventure del comandante David BowanQuest’ultimo viaggia nello spazio fino a raggiungere Giove e si conclude con la scena finale del film, dove il comandante si ritrova in una stanza, dove sopravvive un giorno, in solitudine e tranquillità.

Picasso, i suoi colori, le forme geometriche tipiche della corrente di cui era esponente…

Kubrick, un capolavoro, l’ignoto che attende l’uomo, e l’uomo al centro del suo universo…

Due nomi che hanno fatto la storia, dell’arte il primo, del cinema il secondo, sono stati d’ispirazione per un lavoro bizzarro, forse, ma intrinseco di immaginazione e suggestione.

Tradizione e innovazione, ieri ed oggi, sono la miscela perfetta perché le idee abbiano forme nuove ma piene di contenuto.

Che ne dite?